Navigare Facile

La Storia di Tarcento

Storia di Tarcento

Le origini di Tarcento hanno a che vedere con i Romani e con le loro opere di colonizzazione: all'epoca godeva di particolare importanza per via della sua posizione strategica tra alcuni territori friulani e per queste ragioni si pensa sia stata sede di fortificazioni.

Tarcento fu feudo degli austriaci Machland intorno al tredicesimo secolo e successivamente dei Di Castel Porpetto fino alla comparsa di Napoleone; nello stesso periodo Tarcento accoglieva i due castelli di Coia e di San Lorenzo del quale, purtroppo, non ci sono rimasti i resti.

Circa nel Quattrocento il terriorio fu oggetto dell'occupazione dei Veneziani e subì, a seguito di una sommossa popolare, un violento incendio causa della distruzione di uno dei castelli.

Nel Settecento giunse l'esercito napoleonico e i Francesi decisero di includere Tarcento nel distretto di Gemona costringendo il paese ad attendere la dominazione austriaca per riappropriarsi del ruolo di capoluogo. Sul finire dell'Ottocento il territorio venne inglobato nel Regno di Italia.

Di qui in poi Tarcento sviluppò la propria economia e l'aspetto culturale. Nel corso del primo conflitto mondiale il paese, per via della sua posizione geografica (era posto alle spalle del fronte) godette indubbiamente di grande importanza al punto da essere occupata in seguito alla rotta di Caporetto.

Dove